Passa ai contenuti principali

Una civiltà aliena avanzata potrebbe davvero estrarre energia dai buchi neri

buchi neri
Foto di WikiImages da Pixabay

Un team di dell’università di Glasgow ha dimostrato sperimentalmente la teoria di Roger Penrose sulla possibilità di estrarre energia dai buchi neri: è stato sufficiente – si fa per dire – attorcigliare il suono.

Da qualche parte nell’Universo potrebbe davvero esserci una civiltà aliena avanzatissima che usa i buchi neri come centrali energetiche, come cinquant’anni fa propose – tra il serio e il faceto – il fisico britannico Roger Penrose esponendo la sua teoria che fosse possibile estrarre energia dalla rotazione dei buchi neri. Ecco, quest’idea, ai tempi una mera speculazione, oggi è stata dimostrata sperimentalmente da un team di ricercatori dell’università di Glasgow. Come simulare un buco nero in laboratorio? Attorcigliando il suono.

La teoria di Penrose
L’idea che dalla rotazione dei buchi neri si potesse estrarre energia venne a Penrose nel 1969. Il fisico teorizzava che un oggetto posto nell’ergosfera (la parte più esterna dell’orizzonte degli eventi) assumesse un’energia negativa. Scindendolo in due parti, una metà può essere regalata al buco nero mentre l’altra può sfuggire alla sua presa rubando addirittura un po’ di energia dalla sua rotazione. Si trattava solo di una speculazione all’epoca, un’ipotesi che sembrava impossibile da dimostrare e un’eventualità che comunque gli esseri umani non avrebbero potuto sfruttare per evidenti limitazioni tecnologiche. E tuttora non possiamo, ma magari gli alieni sì.

Un paio di anni dopo il fisico Yakov Zel’dovich tornò sulla teoria di Penrose sostenendo che potesse essere provata con un esperimento qui sulla Terra usando onde luminose attorcicliate (twisted waves). Queste, colpendo un cilindro di metallo mentre ruota alla giusta velocità, sarebbero state riflesse con un’energia maggiore strappata alla rotazione del cilindro per effetto doppler rotazionale. Peccato che, conti alla mano, il cilindro di metallo avrebbe dovuto ruotare a una velocità minima di un miliardo di volte al secondo. E tutt’oggi i nostri migliori ingegneri non sarebbero in grado di creare simili condizioni.

Dalla luce al suono
Quella di Penrose sembrava dunque destinata a rimanere una teoria ancora per molto tempo. Ma all’Università di Glasgow hanno trovato un modo molto più semplice per ricreare in laboratorio (ovviamente in scala infinitamente ridotta) l’effetto predetto dai due fisici: la chiave è stata passare dalla luce al suono, sfruttando onde sonore attorcigliate a bassa frequenza. Decisamente più pratiche da gestire sulla Terra.

Come spiegano nell’articolo pubblicato su Nature Physics, i ricercatori hanno costruito un piccolo anello di altoparlanti da cui i suoni attorcigliati venivano emessi e diretti contro un disco di schiuma fonoassorbente in rotazione. Dietro il disco hanno posizionato dei microfoni per registrare le onde sonore di passaggio: se Penrose avesse ragione la frequenza e l’ampiezza delle onde passate attraverso il disco dovrebbero essere diverse da quelle che avevano in uscita dall’anello di altoparlanti.

“La versione lineare dell’effetto doppler è familiare alla maggior parte delle persone poiché il fenomeno che si verifica quando il tono di una sirena di un’ambulanza sembra aumentare mentre si avvicina all’ascoltatore ma cala mentre si allontana”, ha spiegato Marion Cromb, che ha condotto gli esperimenti. “Sembra alzarsi perché le onde sonore raggiungono l’ascoltatore più frequentemente mentre l’ambulanza si avvicina, e meno frequentemente quando questa si allontana. L’effetto doppler rotazionale è simile, ma è limitato a uno spazio circolare. Le onde sonore attorcigliate cambiano il loro tono quando misurate a livello della superficie rotante. Se la superficie ruota abbastanza velocemente, la frequenza del suono può fare qualcosa molto strano: può passare da una frequenza positiva a una negativa e, così facendo, rubare un po’ di energia dalla rotazione della superficie”.

Come si può apprezzare dal video (sotto) realizzato dagli scienziati, man mano che la velocità del disco aumenta il tono del suono diminuisce fino a non essere più udibile, ma poi risale fino a superare il valore iniziale, con un’ampiezza fino al 30% maggiore rispetto al suono originale proveniente dagli altoparlanti.

“Ciò che abbiamo ascoltato durante il nostro esperimento è stato straordinario”, ha aggiunto Cromb. “La frequenza delle onde sonore viene spostata a zero mentre la velocità di centrifuga aumenta. Quando il suono si riavvia, è perché le onde sono passate da una frequenza positiva a una frequenza negativa. Quelle onde a frequenza negativa sono in grado di prelevare parte dell’energia dal disco di schiuma che gira, diventando più rumorose nel processo, proprio come proposto da Zel’dovich nel 1971″.

Oltre all’entusiasmo per essere riusciti finalmente a dimostrare una teoria vecchia di mezzo secolo, gli scienziati ritengono che questo successo aprirà diverse altre porte all’esplorazione scientifica. “Siamo ansiosi di vedere – ha commentato Daniele Faccio, responsabile del progetto di ricerca – come potremo studiare l’effetto su diverse fonti come le onde elettromagnetiche nel prossimo futuro”.

Mara Magistroni

wired.it

...continua sulla fonte https://ift.tt/3i3PCVj che ringraziamo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Regole nella Coscienza di Krishna

Carissimo Ramananda das, Hare Krishna! Grazie per la buona domanda, che mi da’ l’occasione di parlare di Krishna e dei Suoi insegnamenti. Srila Rupa Govami (benedetto lui) dice che nella coscienza di Krishna ESISTONO SOLO DUE REGOLE e due principi regolatori: 1. Ricordarsi sempre di Krishna 2. Non dimenticarsi mai di Krishna Per aiutarsi ad arrivare a questo punto, esiste una milionata di regole “di assistenza”, che pian piano ci portano al livello del puro amore per Dio. Sempre Rupa Gosvami (benedetto, benedetto) dice che ci sono due cose che ci fanno cadere dal ricordo di Krishna (cioe’ dalla COSCIENZA di Krishna): 1. Non seguire le regole 2. Seguire le regole per le regole Infatti, non dobbiamo seguire le regole in modo stupido: Srila Prabhupada (benedetto) diceva spessisimo, in un sacco di conversazioni con devoti che gli chiedevano come “regolarsi”, che NON C’E’ NIENTE CHE POSSA SOSTITUIRE IL BUON SENSO. E ne diede la dimostrazione pratica in un sacc

Shrila Prabhupada e devoti gay

Per quanto ho visto, gli scambi di Prabhupada con amici omosessuali e discepoli erano sempre straordinariamente amorevoli e gentili. Anzi, si prendeva cura di loro ed era evidente una grande preoccupazione perché si sentissero benvenuti e inclusi nel suo Movimento per la Coscienza di Krishna. E’ molto triste che questo atteggiamento amorevole sia diventato per lo più assente oggi tra molti dei discepoli e seguaci di Srila Prabhupada. I devoti sembrano ossessionati solo dall’aspetto sessuale dell’omosessualità, non riuscendo ad affrontare le più importanti considerazioni umane e personali sottolineate da Srila Prabhupada stesso. Un puro devoto cerca sempre le buone qualità negli altri, mentre i neofiti si dilettano nel sottolineare difetti e debolezze. Per quanto riguarda i gay e le lesbiche, Prabhupada personalmente ci ha insegnato come ricevere e trattare loro, quindi perché semplicemente non ascoltare e seguire il suo esempio? Srila Prabhupada ha incontrato molte volte con All

La Thailandia colpita ad uno sconvolgimento geologico senza precendenti!

http://terrarealtime.blogspot.com/2012/05/la-thailandia-colpita-ad-uno.html via Byline 9 maggio 2012 - Bangkok - Cosa sta succedendo in Thailandia ? Enormi fenditure si stanno aprendo nel suolo,intere strade che sprofondano,crepe di centinaia di metri stanno mettendo a repentaglio l'incolumita' di intere comunita'.Sembra che il territorio stia subendo uno sconvolgimento geologico senza precedenti.I movimenti della placca Indo Australiana stanno alterando gli equilibri di tutto il sud est asiatico ,colpito da forti terremoti negli ultimi mesi,e che stanno facendo risvegliare i piu' pericolosi vulcani dell'area. 9 maggio 2012 Bangkok,Thailandia Collassa improvvisamente una strada per centinaia metri... 8 maggio 2012     Nel distretto di Klong Luang,thailandia Una strada che costeggia un canale (costa occidentale) è sprofondata fino a 1,5 -2 metri  per 100 metri di lunghezza in diverse parti. Il crollo avvenuto vicino alla strada, che passa attraverso una zona residen