Passa ai contenuti principali

Le vere misure della Terra piatta

Riporto di seguito la prefazione al libro “The real measures of the flat Earth” che il gruppo “earthmeasured” ha scritto negli anni passati e che è uscito il mese scorso edito da Aracne editrice. Ho avuto l’occasione di tradurlo praticamente per intero nei quasi 80 articoli che ho scritto in questi tre mesi tormentati dal corona-virus. Ringrazio sinceramente Pasquale Galasso e Altrogiornale per l’occasione che ho avuto di divulgare questa conoscenza sulla Terra piatta che spero si affermi sempre di più. Presto raccoglierò questo materiale in un libro per coloro che, come me, preferiscono sentire la carta in mano. Dunque, questa è la prefazione, buona lettura.

Terra piatta

Il sipario si alza su una stanza per bambini. Si sente una dolce melodia da un carillon. Ci sono birilli e ciotole sparse ovunque con cubi di legno colorati sul pavimento. Un ippopotamo paffuto è sdraiato nel caos. Nel frattempo un cavallo di plastica prova a muoversi sulle sue ruote verso una piccola ballerina bionda. È solo un momento di gioco nell’infanzia di Gaia.

All’improvviso si sente una voce esterna: «Non vuoi vedere la trottola? È bellissima, perché non ti avvicini? Vorresti giocarci? Dai! Non avere paura: la trottola gira solo. Non vedi? Sta girando!». Mentre tutti i piccoli giocattoli si riuniscono insieme, la trottola cade e il cavallino si ferma sconvolto. «Oh no. È rotta adesso!» «Ma non preoccuparti». L’affascinante ballerina rotea immediatamente nelle vicinanze, per rassicurarlo: «No, non è così. Lo faremo girare di nuovo».

Quindi, quando si vede di nuovo la trottola in movimento, appare l’ippopotamo in estasi. Continua a sorridere. Quindi, in una vera esplosione di gioia, promette: «Quando sarò grande, voglio diventare una trottola!». Immediatamente cala il sipario.

Questo è qualcosa che accade davvero nel corso della vita di Gaia. In qualche modo sconcertante l’ippopotamo, un giorno ha iniziato a girare attorno alla sua coda e nessuno ha più osato dire nulla. Allo stesso modo, lo studio della Terra e del suo cosmo ordinato può riservare grandi sorprese, insieme a disillusioni tragicomiche. Alcuni scienziati ponderati, infatti, riconoscono che la comprensione generale sulla Terra è povera e approssimativa. Spesso i risultati sperimentali non confermano le teorie accettate, sebbene siano fortemente difese dalla comunità scientifica.

Quindi, introducendo l’ipotesi che la forma della Terra e le sue misure non corrispondano perfettamente alle ipotesi generali, non si sta facendo una vera rivoluzione. Si stanno solo aprendo le porte verso nuove possibilità scientifiche. Troppo spesso, in genere, le persone accettano ciecamente ciò che la scienza tradizionale ha da dire. E molti di loro hanno le vertigini di fronte a qualsiasi nuova esplorazione. Questa cecità passiva ha prodotto confusione, teorie scientifiche errate ed enormi strafalcioni. Con la conseguente perdita di tempo e risorse.

Il nuovo libro “Le vere misure della Terra piatta”, pubblicato una prima volta in inglese col titolo “The Real Measures of (flat) Earth”, ha un solo obiettivo. Il libro mira a considerare, con attenzione consapevole, la differenza tra ciò che dicono la “scienza mainstream” e la “scienza libera” sulla Terra. Sarà un modo di smontare e poi provare a rimontare i molteplici ingranaggi di un complesso motore. È un motore che è stato aperto, smantellato molte e molte volte e rifatto, ma generalmente in completa segretezza. Spero di esprimere nuove idee presentando fatti, calcoli e formule che dimostreranno che la Terra non è un globo.

La grande maggioranza dei libri su questo argomento è connessa alla teoria del complotto. Hanno a che fare con l’occultamento volontario della verità, eseguita da potenti lobby. Molti autori insistono spesso sul fatto che una realtà fittizia è stata propagandata alle persone con secondi fini. Comunque, questo non è un libro complottista. Anche se può essere chiaro che c’è una precisa volontà di nascondere la verità, non è universalmente chiaro chi sia il responsabile.

Le ragioni politiche, economiche e di propaganda non sono spesso così esplicite. Molte organizzazioni che generalmente si ritiene siano il “male assoluto” (come Nasa, Nazioni Unite o Massoneria), sono solo attori di un più complesso gioco, difficile da descrivere con idee preconcette.

Tu ed io, e tutti noi possiamo essere consapevoli di una volontà superiore che gioca nel backstage e manovra dietro le quinte. Comunque questo non è il tema principale di questo libro. Il mio primo obiettivo è, al contrario, la descrizione della geometria e delle misure della Terra. Gli standard che troverete in questo dossier che descrive la Terra appariranno al lettore medio un po’ strani, per non dire stravaganti. Ad ogni modo, spiegherò tutto sulla base di prove e dettagli.

Il libro è concepito per essere diviso in tre unità principali. C’è una prima sezione, in cui intendo disassemblare il quadro globale. L’obiettivo è dimostrare che la Terra è piatta e immobile e la gravità di Newton e la relatività di Einstein le leggi sono vecchie e obsolete.

Quindi, nella seconda parte, presenterò gli strumenti matematici necessari per capire la nostra realtà cosmologica. Imparerete sicuramente, in modo semplice, quali sono le ragioni fisiche e matematiche che ci costringono ad introdurre nuove unità di misura e strumenti matematici necessari per descrivere la Terra. Il lettore troverà anche un capitolo in cui verrà reintrodotto il concetto di etere, il mezzo attraverso il quale la luce si muove. L’etere, ovviamente, non è considerato parte della struttura geometrica della Terra ma, di sicuro, come entità importante nell’asset fisico del’intero geo-edificio. Reintrodurlo contribuirà alla distruzione della teoria della relatività e della fisica quantistica del XX secolo.

Una terza ed ultima parte, che occupa più di metà del libro, sarà l’applicazione pratica dei concetti introdotti nella seconda parte nella descrizione delle misure della Terra e delle parti che la costituiscono.

Sono sicuro che, riflettendo sui concetti riportati in questo libro, diventeremo più consapevoli e capaci di comprendere la vera natura della realtà fisica in cui tutti viviamo. Tuttavia, so già che ci sarà la volontà della scienza ufficiale e dei suoi portavoce di commentare negativamente questo scritto, dicendo che le principali considerazioni del libro non sono ben organizzate, inaccettabili per la comunità scientifica e non sottoposte a revisione paritaria.

Sono probabilmente le conseguenze di uno dei metodi che lo studente deve seguire quando si esaminano i fenomeni cosmologici. La conoscenza a priori (noto anche come la metodologia dell’intuizione) è spesso concepita in modo indipendente dall’esperienza ed è una deduzione dalla pura ragione. Quando si studia l’universo, alcuni concetti possono essere considerati veri quando supportati da una logica rigorosa e un ragionamento profondo, che, per la loro naturale inclinazione, tendono alla verità.

Altre prove sperimentali dovranno essere realizzate in seguito per dare una conferma. Si dovrebbero fare sicuramente, ma vengono dopo. Questo a volte può accadere quando le idee sono completamente nuove e alle volte impreviste.

Comunque, in questo mondo, la comunità scientifica generale non è sempre libera di svelare ciò che sembra essere vero o falso, ma piuttosto ciò che è politicamente o economicamente conveniente. Purtroppo la scienza è sotto il potere di lobby internazionali che guidano la ricerca e i suoi obiettivi, che ne definiscono confini e il tipo di lavoro che deve essere fatto.

Pertanto, anche se nell’establishment ci sono molti scienziati e ricercatori seri, posso affermare che, a volte, non lo sono perché non vogliono rischiare di perdere il lavoro, dopo essere stati screditati.Il team di autori di questo libro, “Le vere misure della Terra (piatta)”è, d’altra parte, nella posizione privilegiata di essere fuori dal sistema scientifico mainstream.

Quando ti godi questa posizione, puoi osare di fare ipotesi, calcoli e considerazioni completamente gratuite, senza il drammatico rischio di rovinare la tua carriera. Paghiamo la libertà di poterci avvicinare maggiormente alla verità con la mancanza di riconoscimento, ma abbiamo la soddisfazione di diffondere vera e libera conoscenza sulla Terra piatta.

...continua sulla fonte https://ift.tt/37O0z8B che ringraziamo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Regole nella Coscienza di Krishna

Carissimo Ramananda das, Hare Krishna! Grazie per la buona domanda, che mi da’ l’occasione di parlare di Krishna e dei Suoi insegnamenti. Srila Rupa Govami (benedetto lui) dice che nella coscienza di Krishna ESISTONO SOLO DUE REGOLE e due principi regolatori: 1. Ricordarsi sempre di Krishna 2. Non dimenticarsi mai di Krishna Per aiutarsi ad arrivare a questo punto, esiste una milionata di regole “di assistenza”, che pian piano ci portano al livello del puro amore per Dio. Sempre Rupa Gosvami (benedetto, benedetto) dice che ci sono due cose che ci fanno cadere dal ricordo di Krishna (cioe’ dalla COSCIENZA di Krishna): 1. Non seguire le regole 2. Seguire le regole per le regole Infatti, non dobbiamo seguire le regole in modo stupido: Srila Prabhupada (benedetto) diceva spessisimo, in un sacco di conversazioni con devoti che gli chiedevano come “regolarsi”, che NON C’E’ NIENTE CHE POSSA SOSTITUIRE IL BUON SENSO. E ne diede la dimostrazione pratica in un sacc

Shrila Prabhupada e devoti gay

Per quanto ho visto, gli scambi di Prabhupada con amici omosessuali e discepoli erano sempre straordinariamente amorevoli e gentili. Anzi, si prendeva cura di loro ed era evidente una grande preoccupazione perché si sentissero benvenuti e inclusi nel suo Movimento per la Coscienza di Krishna. E’ molto triste che questo atteggiamento amorevole sia diventato per lo più assente oggi tra molti dei discepoli e seguaci di Srila Prabhupada. I devoti sembrano ossessionati solo dall’aspetto sessuale dell’omosessualità, non riuscendo ad affrontare le più importanti considerazioni umane e personali sottolineate da Srila Prabhupada stesso. Un puro devoto cerca sempre le buone qualità negli altri, mentre i neofiti si dilettano nel sottolineare difetti e debolezze. Per quanto riguarda i gay e le lesbiche, Prabhupada personalmente ci ha insegnato come ricevere e trattare loro, quindi perché semplicemente non ascoltare e seguire il suo esempio? Srila Prabhupada ha incontrato molte volte con All

La Thailandia colpita ad uno sconvolgimento geologico senza precendenti!

http://terrarealtime.blogspot.com/2012/05/la-thailandia-colpita-ad-uno.html via Byline 9 maggio 2012 - Bangkok - Cosa sta succedendo in Thailandia ? Enormi fenditure si stanno aprendo nel suolo,intere strade che sprofondano,crepe di centinaia di metri stanno mettendo a repentaglio l'incolumita' di intere comunita'.Sembra che il territorio stia subendo uno sconvolgimento geologico senza precedenti.I movimenti della placca Indo Australiana stanno alterando gli equilibri di tutto il sud est asiatico ,colpito da forti terremoti negli ultimi mesi,e che stanno facendo risvegliare i piu' pericolosi vulcani dell'area. 9 maggio 2012 Bangkok,Thailandia Collassa improvvisamente una strada per centinaia metri... 8 maggio 2012     Nel distretto di Klong Luang,thailandia Una strada che costeggia un canale (costa occidentale) è sprofondata fino a 1,5 -2 metri  per 100 metri di lunghezza in diverse parti. Il crollo avvenuto vicino alla strada, che passa attraverso una zona residen