Passa ai contenuti principali

La curvatura della luce

Einstein affermava che la luce curva sotto l’azione di grandi masse che curvano lo spazio tempo. Davvero la luce subisce una curvatura? Come possiamo spiegare questa idea sulla Terra piatta su cui ruota il vortice di etere?

Penso che il fatto di aver recuperato un vecchio concetto respinto, quello sull’esistenza di un vortice di etere che ruota sulla Terra attorno all’asse del Polo Nord, si rivelerà un’intuizione della massima rilevanza. Questo è un concetto potente, in grado di dare una ragione ad una serie di fenomeni importanti per la Terra, come la gravità e il movimento dei corpi celesti. Spiegare il completo funzionamento della Terra piatta sarebbe una sfida impossibile senza capire come funziona la gravità.

Solo ammettendo questa realtà, ovvero l’esistenza di un vortice di etere, si può raggiungere una comprensione completa della causa della forza di gravità e di come questa forza possa agire solo verticalmente. Le prove dell’esistenza del vortice sono gli effetti che esso produce. Empiricamente, possiamo avere la prova dell’esistenza di tale vortice quando si valutano correttamente i risultati della dimostrazione di Michelson Gale. L’esperimento ha dimostrato che la velocità della luce è diversa a diverse latitudini. Ciò è dovuto al fatto che la luce si muove nell’etere. Questo è il mezzo che supporta il movimento della luce.

La luce non è altro che una vibrazione di eteroni. Il vortice si muove attorno all’asse del Polo Nord e modifica così la sua velocità periferica col raggio in modo da mantenere costante la velocità di rotazione angolare. Ciò è coerente con la legge lineare Vp = ω ∙ r, dove ω è la velocità di rotazione, ovvero circa un giro al giorno. Questa equazione fornisce una ragione per la variazione della velocità della luce con le diverse latitudini: la luce viene trascinata dall’etere. L’etere è in rotazione, con velocità che aumentano con il raggio. In questo modo la luce si comporterà allo stesso modo. Aumenta la sua velocità con il raggio.

Da questo fatto possiamo sviluppare un altro concetto interessante: la luce è influenzata dai movimenti dell’etere e l’etere tira la luce. È qualcosa di simile all’idea di Einstein che la luce si pieghi nelle increspature dello spazio-tempo. Ormai abbiamo capito che l’etere si muove per eseguire due azioni principali. Il vortice ruota attorno al Polo Nord e il vento verticale genera gravità. D’altra parte, sono piuttosto scettico sull’idea che le masse gravitazionali siano in grado di piegare lo spazio-tempo e quindi la luce. Sappiamo già che le masse non hanno un’influenza intrinseca sulla gravità; altrimenti, la Terra sarebbe sferica, come conseguenza dell’influenza gravitazionale.

Possiamo concludere che un raggio di luce orizzontale sarà piegato verso il basso dal vento di etere verticale costituente la gravità, ma anche curvato attorno all’asse del P olo Nord dal vortice di etere. In questo senso, la luce segue un percorso parabolico su un piano verticale. È come la traiettoria di un proiettile che si piega verso il basso a causa della gravità. Allo stesso tempo, tende a muoversi in modo circolare attorno al Polo Nord.

L’equazione di Einstein per calcolare la flessione della luce dovuta alla massa gravitazionale del sole è:

curvatura

Effettuò il calcolo e lo controllò con un famoso esperimento durante l’eclissi del 1929. Penso che questa equazione non possa essere accettata perché fondata su un presupposto totalmente sbagliato. Dipende dal concetto di gravità newtoniano. Se vogliamo calcolare la flessione di un raggio di luce nel campo gravitazionale ed eterico della Terra, dobbiamo considerare le equazioni del moto parabolico di un proiettile. Questa è una composizione di due movimenti lungo l’asse x orizzontale e l’asse y verticale. L’equazione sarà la seguente:

curvatura

dove x0 e y0 sono le coordinate del punto iniziale del raggio luminoso. V0x e V0y sono la velocità iniziale in direzione x e y. Le equazioni non tengono conto del fatto che anche la luce si piega verso ovest, a causa del vortice attorno al Polo Nord.

In un articolo passato, vedi qui, ho fatto un calcolo della curvatura terrestre tra Mentone in Francia e Corsica. Fino al monte Cinto in Corsica c’è una distanza di 195 km. Quindi, da Mentone, non dovrebbe essere possibile vedere la montagna. In effetti, la curvatura totale è di 2700 m, esattamente come l’altezza del monte Cinto. Ma, inaspettatamente, è possibile vedere una grande quantità di terra da Mentone e non solo la cima della montagna.

Qualcuno potrebbe dire che questo è un fenomeno dovuto alla flessione della luce. Una conseguenza della gravità. Abbiamo già effettuato il calcolo con l’aiuto della formula di Einstein. Quindi, abbiamo visto che l’influenza della massa gravitazionale della Terra sarebbe troppo piccola per piegare la luce in misura sufficiente per vincere la curvatura del globo. Ora, facciamo il calcolo con le nuove formule paraboliche.

Considerando che un raggio di luce viene proiettato verso Mentone dalla cima della montagna, troveremmo:

Otteniamo che la luce si piega verso il basso, a causa del vento verticale dell’etere, di Δy = 2,07 × 10–6 mm. Questa è una lunghezza microscopica, assolutamente trascurabile nel calcolo della curvatura.

Quindi terminiamo dicendo che è vero che la luce subisce una curvatura dovuta alla gravità, ma questo è dovuto non ad una curvatura geometrica dello spazio-tempo ma al moto dell’etere nello spazio.


Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.

...continua sulla fonte https://ift.tt/3ctQnTF che ringraziamo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Regole nella Coscienza di Krishna

Carissimo Ramananda das, Hare Krishna! Grazie per la buona domanda, che mi da’ l’occasione di parlare di Krishna e dei Suoi insegnamenti. Srila Rupa Govami (benedetto lui) dice che nella coscienza di Krishna ESISTONO SOLO DUE REGOLE e due principi regolatori: 1. Ricordarsi sempre di Krishna 2. Non dimenticarsi mai di Krishna Per aiutarsi ad arrivare a questo punto, esiste una milionata di regole “di assistenza”, che pian piano ci portano al livello del puro amore per Dio. Sempre Rupa Gosvami (benedetto, benedetto) dice che ci sono due cose che ci fanno cadere dal ricordo di Krishna (cioe’ dalla COSCIENZA di Krishna): 1. Non seguire le regole 2. Seguire le regole per le regole Infatti, non dobbiamo seguire le regole in modo stupido: Srila Prabhupada (benedetto) diceva spessisimo, in un sacco di conversazioni con devoti che gli chiedevano come “regolarsi”, che NON C’E’ NIENTE CHE POSSA SOSTITUIRE IL BUON SENSO. E ne diede la dimostrazione pratica in un sacc

Shrila Prabhupada e devoti gay

Per quanto ho visto, gli scambi di Prabhupada con amici omosessuali e discepoli erano sempre straordinariamente amorevoli e gentili. Anzi, si prendeva cura di loro ed era evidente una grande preoccupazione perché si sentissero benvenuti e inclusi nel suo Movimento per la Coscienza di Krishna. E’ molto triste che questo atteggiamento amorevole sia diventato per lo più assente oggi tra molti dei discepoli e seguaci di Srila Prabhupada. I devoti sembrano ossessionati solo dall’aspetto sessuale dell’omosessualità, non riuscendo ad affrontare le più importanti considerazioni umane e personali sottolineate da Srila Prabhupada stesso. Un puro devoto cerca sempre le buone qualità negli altri, mentre i neofiti si dilettano nel sottolineare difetti e debolezze. Per quanto riguarda i gay e le lesbiche, Prabhupada personalmente ci ha insegnato come ricevere e trattare loro, quindi perché semplicemente non ascoltare e seguire il suo esempio? Srila Prabhupada ha incontrato molte volte con All

La Thailandia colpita ad uno sconvolgimento geologico senza precendenti!

http://terrarealtime.blogspot.com/2012/05/la-thailandia-colpita-ad-uno.html via Byline 9 maggio 2012 - Bangkok - Cosa sta succedendo in Thailandia ? Enormi fenditure si stanno aprendo nel suolo,intere strade che sprofondano,crepe di centinaia di metri stanno mettendo a repentaglio l'incolumita' di intere comunita'.Sembra che il territorio stia subendo uno sconvolgimento geologico senza precedenti.I movimenti della placca Indo Australiana stanno alterando gli equilibri di tutto il sud est asiatico ,colpito da forti terremoti negli ultimi mesi,e che stanno facendo risvegliare i piu' pericolosi vulcani dell'area. 9 maggio 2012 Bangkok,Thailandia Collassa improvvisamente una strada per centinaia metri... 8 maggio 2012     Nel distretto di Klong Luang,thailandia Una strada che costeggia un canale (costa occidentale) è sprofondata fino a 1,5 -2 metri  per 100 metri di lunghezza in diverse parti. Il crollo avvenuto vicino alla strada, che passa attraverso una zona residen