Passa ai contenuti principali

I venti sulla Terra piatta

Con questo paragrafo vogliamo imparare qualcosa in più sul movimento dei venti. Lo studio di questo argomento ci aiuterà a comprendere alcuni nuovi importanti dettagli sulla Terra. Un punto importante che voglio sottolineare è l’accelerazione di Coriolis. I globisti ritengono che la direzione dei venti prevalenti intorno al pianeta sia dovuta alla rotazione della Terra attorno al suo asse. Su una Terra piatta, le cose funzionano diversamente. Per cominciare, possiamo esaminare l’interazione tra lo schema che le direzioni dei venti formano sulla Terra e la forma del campo magnetico, poiché sembra esistere una relazione importante.

venti

Dalla mappa sopra, si nota che i venti soffiano sul globo ruotando verso destra nell’emisfero settentrionale e verso sinistra nell’emisfero meridionale. La scienza afferma che ciò è dovuto all’accelerazione di Coriolis. D’altra parte, è più che evidente che l’accelerazione di Coriolis non è presente e non si manifesta sulla Terra. Se la direzione dei venti fosse dovuta a questa forza, i venti dovrebbero soffiare molto più velocemente di quanto effettivamente facciano.

Per dimostrare che la direzione dei venti non è correlata a Coriolis, dobbiamo considerare come essi si formino. Un vento si forma in presenza di una distribuzione non uniforme della pressione atmosferica nelle aree vicine. La formazione di zone ad alta e bassa pressione produce la necessità di equilibrare la situazione.

Quindi, il sistema cerca di equilibrare una situazione di energia superiore passando ad una inferiore. Per raggiungere questo risultato sorgono i venti. È come una centrale elettrica: le acque scorrono da un’altezza superiore a un livello inferiore. Allo stesso modo, i venti soffiano da un punto di alta pressione a uno a bassa pressione.

Il sistema atmosferico a bassa pressione è chiamato ciclone mentre il sistema ad alta pressione è chiamato anticiclone. Nel sistema ciclonico l’aria è calda, a causa della ridotta densità, sale. In questo modo, c’è un abbassamento della pressione causata dalle temperature più elevate.

In un sistema anticiclonico, la temperatura è più bassa. La densità dell’aria è più alta e quindi si sposta verso il basso, verso la superficie della Terra. Un vento si sposta partendo dall’anticiclone e convergendo verso il centro del ciclone. I venti possono avere velocità, durata e direzione diverse. La loro forza dipende dal gradiente di pressione che li guida. Se il gradiente è elevato la velocità del vento sarà elevata e viceversa, se il gradiente di pressione è basso la pressione sarà bassa.

La scienza afferma che la direzione dei venti prevalenti sulla Terra è determinata dalla rotazione terrestre. Con latitudini diverse, la Terra ruota a velocità diverse a causa della diversa distanza della superficie dall’asse di rotazione. Questa differenza di velocità genera l’accelerazione di Coriolis per tutti i corpi che si muovano con una componente di velocità in direzione nord-sud. Questo significherebbe che i venti ruotino sulla terra secondo la direzione imposta da Coriolis, cioè dalla rotazione della Terra attorno al proprio asse.

Un vento che entra in un ciclone assumerà una rotazione oraria nell’emisfero settentrionale e antioraria nell’emisfero meridionale. Si verificherà il contrario per gli anticicloni. Dato che siamo abituati a guardare immagini satellitari di cicloni, potrebbe sembrare che Coriolis sia una forza che agisce e si manifesta realmente sulla Terra nella formazione dei venti. La direzione degli alisei, venti occidentali e polari, sembrerebbe confermare che la rotazione della Terra giochi un ruolo significativo nel modello di circolazione dei venti.

Il fatto che i cicloni ruotino in senso orario nell’emisfero settentrionale e in senso antiorario in quello meridionale è una regola ben definita e raramente si verificano anomalie. Possiamo dire, tuttavia, che ciò non prova necessariamente la presenza dell’accelerazione di Coriolis, ma piuttosto la presenza di una forza che agisce ponendo l’aria in una rotazione in quella direzione. Quale potrebbe essere questa forza?

Pensiamo al modo in cui si formano i venti. I sistemi a bassa pressione sorgono a causa delle temperature più elevate. Le temperature più elevate sono dovute al sole. In modo molto generale e semplicistico, possiamo affermare che i venti soffino dove il sole è più insistente nel riscaldamento delle temperature. Buoni esempi sono gli alisei. Gli alisei soffiano dai tropici all’equatore dove una zona più calda produce una banda a bassa pressione. I venti che arrivano all’equatore si alzano nell’atmosfera più alta.

venti

Quindi, il sole potrebbe essere il motore che tira e trascina i venti su tutta la Terra. E come si muove il sole sulla Terra? Si muove in senso orario lungo una spirale tra i tropici. Nel suo movimento tira e riscalda grandi masse d’aria, producendo così i venti. Nell’emisfero settentrionale, il movimento del sole produce una rotazione in senso orario, mentre nell’emisfero meridionale un movimento in senso antiorario.

Ciò significa che la direzione dei venti è determinata dal sole e dalla sua azione di riscaldamento e non dalla rotazione della Terra. Un altro punto che voglio evidenziare è che probabilmente c’è un’influenza sui venti prodotti dal campo magnetico terrestre. Guarda le due immagini sotto.

Mostrano punti di alta e bassa pressione sulla Terra a gennaio e luglio. Queste mappe assomigliano alle mappe di marea che abbiamo considerato fino ad ora. Abbiamo notato come i punti anfidromici (punti in cui la variazione di marea è zero) sono collegati al campo magnetico terrestre. Guardando la mappa dei sistemi di pressione atmosferica, sembra che ci sia anche qui un collegamento con il campo magnetico.

Livello di pressione medio sul mare (Gennaio)

venti

Livello di pressione medio sul mare (Luglio)

venti

Si guardi per esempio il punto ad alta pressione vicino al Brasile, che si verifica sia a gennaio che a luglio. Sono coincidenti con l’Anomalia del Sud Atlantico, no? I venti circolano quindi attorno a punti in cui il campo magnetico terrestre è debole. Ciò è dovuto alla presenza di pilastri sotto il mantello della Terra.

Sembra abbastanza chiaro che il campo magnetico terrestre, insieme all’azione del sole e della luna, hanno una grande influenza sul modello di circolazione di acque e venti. Questa è un’altra conferma che questo modello di Terra piatta è efficace.


Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.

...continua sulla fonte https://ift.tt/2Aidqn5 che ringraziamo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Regole nella Coscienza di Krishna

Carissimo Ramananda das, Hare Krishna! Grazie per la buona domanda, che mi da’ l’occasione di parlare di Krishna e dei Suoi insegnamenti. Srila Rupa Govami (benedetto lui) dice che nella coscienza di Krishna ESISTONO SOLO DUE REGOLE e due principi regolatori: 1. Ricordarsi sempre di Krishna 2. Non dimenticarsi mai di Krishna Per aiutarsi ad arrivare a questo punto, esiste una milionata di regole “di assistenza”, che pian piano ci portano al livello del puro amore per Dio. Sempre Rupa Gosvami (benedetto, benedetto) dice che ci sono due cose che ci fanno cadere dal ricordo di Krishna (cioe’ dalla COSCIENZA di Krishna): 1. Non seguire le regole 2. Seguire le regole per le regole Infatti, non dobbiamo seguire le regole in modo stupido: Srila Prabhupada (benedetto) diceva spessisimo, in un sacco di conversazioni con devoti che gli chiedevano come “regolarsi”, che NON C’E’ NIENTE CHE POSSA SOSTITUIRE IL BUON SENSO. E ne diede la dimostrazione pratica in un sacc

Shrila Prabhupada e devoti gay

Per quanto ho visto, gli scambi di Prabhupada con amici omosessuali e discepoli erano sempre straordinariamente amorevoli e gentili. Anzi, si prendeva cura di loro ed era evidente una grande preoccupazione perché si sentissero benvenuti e inclusi nel suo Movimento per la Coscienza di Krishna. E’ molto triste che questo atteggiamento amorevole sia diventato per lo più assente oggi tra molti dei discepoli e seguaci di Srila Prabhupada. I devoti sembrano ossessionati solo dall’aspetto sessuale dell’omosessualità, non riuscendo ad affrontare le più importanti considerazioni umane e personali sottolineate da Srila Prabhupada stesso. Un puro devoto cerca sempre le buone qualità negli altri, mentre i neofiti si dilettano nel sottolineare difetti e debolezze. Per quanto riguarda i gay e le lesbiche, Prabhupada personalmente ci ha insegnato come ricevere e trattare loro, quindi perché semplicemente non ascoltare e seguire il suo esempio? Srila Prabhupada ha incontrato molte volte con All

La Thailandia colpita ad uno sconvolgimento geologico senza precendenti!

http://terrarealtime.blogspot.com/2012/05/la-thailandia-colpita-ad-uno.html via Byline 9 maggio 2012 - Bangkok - Cosa sta succedendo in Thailandia ? Enormi fenditure si stanno aprendo nel suolo,intere strade che sprofondano,crepe di centinaia di metri stanno mettendo a repentaglio l'incolumita' di intere comunita'.Sembra che il territorio stia subendo uno sconvolgimento geologico senza precedenti.I movimenti della placca Indo Australiana stanno alterando gli equilibri di tutto il sud est asiatico ,colpito da forti terremoti negli ultimi mesi,e che stanno facendo risvegliare i piu' pericolosi vulcani dell'area. 9 maggio 2012 Bangkok,Thailandia Collassa improvvisamente una strada per centinaia metri... 8 maggio 2012     Nel distretto di Klong Luang,thailandia Una strada che costeggia un canale (costa occidentale) è sprofondata fino a 1,5 -2 metri  per 100 metri di lunghezza in diverse parti. Il crollo avvenuto vicino alla strada, che passa attraverso una zona residen