Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

Pancakes di ceci

Quanto sono buoni i pancakes? Questa volta li ho preparati in versione salata: veloci, facili e divertenti, ottimi per conquistare anche i più piccoli! Perfetti accompagnati con una ratatouille di verdure, una salsina allo yogurt di soia, o un hummus di melanzane, di zucchine, di zucca o di piselli, ma anche con una salsina di […] ...continua sulla fonte http://ift.tt/1AGBAko che ringraziamo.

Olive in crosta 1

Questo è uno dei must Ametista! 😉 Chi mi conosce lo sa! Per aperitivi e come stucchini sono l’ideale. Ma fate attenzione: creano dipendenza! 😀 Ingredienti per la pasta brisée al vino: 300 g di farina integrale 80 g di olio di mais 120 g di vino bianco secco (oppure spumante secco per una maggiore […] ...continua sulla fonte http://ift.tt/1FmO5yu che ringraziamo.

Industria farmaceutica – Il conflitto che nessuno vuole vedere

Industria farmaceutica – Il conflitto che nessuno vuole vedere Altrogiornale.org . Il conflitto che nessuno vuole vedere (ma tutti conoscono). Come Big Pharma tiene in ostaggio la scienza, la salute pubblica e il progresso del mondo intero tramite il debito. “La maggior parte della letteratura scientifica, forse la metà, potrebbe essere semplicemente falsa. Influenzata da studi con campionature esigue di poca efficacia, analisi esplorative invalide e Industria farmaceutica – Il conflitto che nessuno vuole vedere Altrogiornale.org . ...continua sulla fonte http://ift.tt/1crjuHI che ringraziamo.

Plumcake

Ingredienti: 300 g di farina 1 vasetto di yogurt bianco 1 vasetto di acqua 80 g di zucchero di canna 2 C di latte di soia 1 bustina di vanillina 1/2 limone ( succo e buccia grattugiata) 1/2 bustina di lievito per dolci cacao (facoltativo) 2 mele (facoltative) Procedimento: In una terrina ho sistemato la […] ...continua sulla fonte http://ift.tt/1FlcDb8 che ringraziamo.

Fantaburger di canapa

Grande notizia, ragazzi! Nel supermercato dove vado a comprare solitamente il latte di soia, in Viale Verona a Trento, hanno allestito un reparto solo vegan con un sacco di leccornie! Vasto assortimento di affettati veg, seitan, tofu e piatti pronti e non solo: ho trovato, tra l’altro, persino il cioccolato bianco di soia e…la farina […] ...continua sulla fonte http://ift.tt/1EFGzNt che ringraziamo.

Osteoporosi: 5 cattive abitudini quotidiane che possono causare la perdita di calcio

  Il calcio è un elemento molto importante per il nostro corpo, sia per rafforzare le ossa che per il corretto funzionamento del sistema nervoso. Le nostre abitudini quotidiane, alimentari e non, possono aiutare il nostro organismo nel mantenimento dell'omeostasi, con particolare riferimento ai livelli di calcio nelle ossa e nel sangue. Abitudini scorrette possono condurre all' osteoporosi . In questo processo giocano un ruolo fondamentale sia lo stile di vita che le abitudini alimentari . L'attività fisica, anche leggera, aiuta le cellule di tutto il nostro corpo a rigenerarsi ed è benefica per le ossa. A tavola dovremmo invece cercare di seguire una dieta equilibrata, in modo da non agevolare la perdita eccessiva di calcio. Ecco alcune cattive abitudini che forse stiamo mettendo in pratica senza saperlo per quanto riguarda l'apporto quotidiano di calcio tramite l'alimentazione e non solo. 1) Scarsa esposizione al sole Gli impegni di lavoro in luoghi chiu

Dossier – “I Club Mondialisti e il risveglio delle coscienze”

Dossier – “I Club Mondialisti e il risveglio delle coscienze” Altrogiornale.org . Club di Roma, Club di Budapest e Club di Madrid, certamente connessi a poteri di cui non ci possiamo fidare, portatori di messaggi che tendono a condizionare e ad influenzare il movimento di risveglio delle coscienze. Non una teoria complottista, ma il risultato di una analisi seria e lucida dei loro documenti e dei loro Dossier – “I Club Mondialisti e il risveglio delle coscienze” Altrogiornale.org . ...continua sulla fonte http://ift.tt/1d3KIow che ringraziamo.

Violenta eruzione vulcanica in Giappone: evacuata un'intera isola (FOTO E VIDEO)

Un vulcano giapponese torna a farsi sentire. Oggi si è verificata una violenta eruzione nell'isola di Kuchinoerabu . Tutta colpa del vulcano Shindake che ha letteralmente costretto alla fuga tutti gli abitanti dell'isola situato nella parte meridionale del Giappone. Per fortuna non ci sono vittime ma solo feriti. Un boato e poi un mix di ceneri, rocce e polvere è stato sparato verso il cielo ed è poi finito improvvisamente sulla popolazione, spingendo le autorità a evacuare l'isola. In Italia erano le 3 del mattino, in Giappone erano le 10. L'Agenzia meteorologica del paese ha alzato a 5 il livello di allerta dell'isola di Kuchinoerabu, la più alta della scala. Il vulcano Shindake , alto circa 650 metri sul livello del mare, era tornato “in vita” con una nuova eruzione ad agosto dello scorso anno, per la prima volta dal 1980. Ma oggi un flusso piroclastico di gas e roccia rovente ha iniziato a scorrere lungo il fianco del monte fino a raggiungere l'ocea

Ricette vegetariane: 15 piatti facili, dall'antipasto al dolce

Volete portare in tavola un menù vegetariano ma non sapete da dove cominciare? Ecco una raccolta di ricette vegetariane facili che vi permetterà di servire un pranzo o una cena preparati da voi dall'antipasto al dolce, per stupire parenti, amici e ospiti vegetariani e non.  Ricordate che alcuni piatti della nostra tradizione , come la semplice pasta al pomodoro, sono già ricette vegetariane. Partite da questo presupposto per arricchire il vostro menù di ricette vegetariane facili da preparare e prendete spunto dai nostri suggerimenti.   Ricette antipasti vegetariani 1) Falafel di ceci I falafel di ceci sono ottimi da servire come antipasto su un bel letto di insalatina fresca. Li potrete preparare a partire dai ceci secchi, o più rapidamente dai ceci già lessati, a seconda del tempo che avete a disposizione. Qui la ricetta. 2) Insalata di farro L' insalata di farro è un'alternativa all'insalata di riso davvero semplice da preparare. Potrete condirla con l

Dieta mediterranea: riduce il rischio di tumore dell'endometrio del 50%

Le donne che seguono una dieta mediterranea riducono il proprio rischio di tumore dell'endometrio (corpo dell'utero) di oltre il 50%. La conferma viene da uno studio finanziato dalla Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (FIRC) e pubblicato dal British Journal of Cancer . Un gruppo di ricercatori dell'IRCCS-Istituto di Ricerche Farmacologiche 'Mario Negri', in collaborazione con l'Università di Milano, il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, l'Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli e l'Università di Losanna, ha valutato in oltre 5.000 donne italiane la relazione tra aderenza alla dieta mediterranea e il rischio di sviluppare il tumore dell'endometrio. Per calcolare un punteggio di aderenza alla dieta mediterranea sono state considerate 9 componenti dietetiche: verdura e frutta, legumi, cereali e patate, pesce e grassi polinsaturi, di cui è ricca la dieta mediterranea; carne e latte e latticini di cui la dieta mediterranea è pove

Gli splendidi graffiti di Javier de Riba nei palazzi abbandonati (FOTO e VIDEO)

Come ravvivare vecchi edifici abbandonati ? Ma semplice: con la pittura ! L'artista spagnolo Javier de Riba lo sa bene e ci ha preso gusto: usando vernice spray, stencil e una dose così di pazienza e passione, dipinge splendidi disegni geometrici sui pavimenti di vecchi palazzi , decorandoli come fossero ricoperti da vere piastrelle di ceramica.  Il designer, nato a Barcellona, è motivato da una " battaglia in corso contro la stagnazione, a favore della versatilità e innovazione ", come lui dice . E si vede. Javier usa vernici spray non nel modo in cui si potrebbe immaginare: invece di lavorare sulle pareti interne o esterne dei palazzi che si trova davanti agli occhi, de Riba dipinge i pavimenti , tracciando geometrie luminose, grandi e piccole. I modelli che de Riba crea appaiano esattamente come dei pavimenti in cotto, facendo sembrare l'edificio una strttura elegantemente ristrutturata. Lavorando come un serigrafo, l'artista si muove da sinistra a destra,

Meraviglie dagli abissi: esplorato per la prima volta il Grand Canyon sommerso (FOTO e VIDEO)

E' stato esplorato per la prima volta il Grand Canyon sommerso . L'impresa è stata compiuta al largo dell'Australia da un team internazionale che comprende l'Ismar-Cnr. I ricercatori hanno mappato in dettaglio 4.000 chilometri quadrati, rinvenendo pareti di corallo solitario e scogliere viventi e subfossili di coralli coloniali. I campionamenti permetteranno di comprendere meglio l'evoluzione climatica degli oceani. Si tratta della conclusione della campagna oceanografica della nave Falkor che ha per la prima volta esplorato visualmente il Canyon di Perth, nell'Oceano Indiano al largo delle coste dell'Australia occidentale, rilevando fra l'altro la presenza di coralli viventi e subfossili. A realizzare l'impresa, un team scientifico che comprende l'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr) di Bologna. "Abbiamo scoperto il c orallo solitario di profondità Desmophyllum dianthus che, in una parete vert

9 gatti in un labirinto di scatole, il video fa impazzire il web

I gatti amano le scatole , si sa . Perché, allora, non recuperare delle scatole e con un pizzico di creatività per farne un bellissimo gioco divertente? Prendete 20 scatole delle stesse dimensioni e unitile tra di loro, formando un quadrato con 4 scatole per lato aperte nella parte superiore, in modo che il gatto possa passare da una scatola all'altra. E se i gatti sono 9? Vi immaginate 9 felini pronti a nascondersi e a giocare tra tutto quel cartone? È lo spettacolo che ci offre il blogger 9 cats nel suo labirinto di cartone per nove felini! Ispirato dal successo che qualche tempo fa hanno avuto su internet i gatti nelle scatole , ha deciso di guadagnarsi lo scettro della "cuteness" portando il gioco con le scatole a un altro livello. Vedere per credere! Ecco cosa combinano Lulu, Musashi, Kojiro, Maru, Taru e gli altri in un video che sta diventando virale sul web per la sua eccessiva dolcezza e grazie.     Ma perché ai gatti piacciono così tanto le scatole?

Luna 'rosa': il 2 giugno torna il fantastico spettacolo

La luna  rosa torna a trovarci. Il 2 giugno la luna piena tornerà in versione estiva. Ma perché si chiama così? Il colore c'entra ma solo in parte. Si tratta infatti del nome che la tradizione europea ha affibbiato alla luna di giugno. Per gli americani invece è la luna della fragola. Ma qualcosa di vero in fondo c'è. Complici le temperature via via più calde e la posizione della luna rispetto alla nostra atmosfera, il nostro satellite naturale avrà un l eggero alone rosato, osservabile quando il suo faccione sarà visibile nella sua interezza, proprio domenica. Il 2 giugno, infatti, la luna sarà piena e si troverà a una distanza di 385mila chilometri circa dalla Terra. Non si tratta dunque di una superluna. Quest'ultima si verifica quando il nostro satellite raggiunge la distanza minima dalla Terra (perigeo), rivelandosi più grande ai nostri occhi perché più vicino. Nel 2013, vi fu addirittura una superluna 'rosa' quando il perigeo cadde nel mese di giug

Lata 65, la street art che non ha eta' e abbatte gli stereotipi (FOTO)

La street art non ha età e abbatte gli stereotipi. Succede in Portogallo. Graffiti e street art spesso hanno contribuito a rendere più profonde le incomprensioni tra giovani e anziani, ma ora a Lisbona qualcosa sta cambiando. In Portogallo è nata l'associazione Lata 65 che si sta impegnando per abbattere gli stereotipi legati all'età e per trasformare gli anziani in veri e propri artisti di strada, fornendo loro bombolette di vernice spray, mascherine e guanti. A Lisbona l'iniziativa coinvolge un gruppo di almeno 100 anziani .  L'associazione si occupa anche di individuare luoghi adatti della città dove realizzare dei graffiti con le bombolette spray . Si tratta di un vero e proprio progetto artistico dedicato agli anziani che prende le mosse dalla partecipazione a laboratori dove si imparano la storia della street art e l'utilizzo degli stencil. In questo modo gli anziani contribuiscono a migliorare l'aspetto delle zone più grigie e degradate della citt

India: il caldo torrido uccide e scioglie letteralmente l'asfalto (FOTO)

Un' ondata di caldo torrido sta mettendo in ginocchio l' India , soprattutto lo stato di Andhra Pradesh , nel sud-est del Paese, dove sono morte 884 persone. In totale si contano più di 1.500 morti solo nell'ultima settimana.  La maggior parte di loro è deceduta tra sabato e lunedì, quando le temperature hanno raggiunto i 50 gradi centrigradi all'ombra. Altre 269 vittime nel vicino stato di Talangana e circa ottanta anche negli stati di Orissa, Bengala Occidentale, Madhya Pradesh e Rajasthan. La maggior parte delle vittime appartenevano agli strati più poveri della società : l'India conta ormai ben 1 miliardo e 200 milioni di abitanti, di cui il 70% vive in zone rurali, dove risiede il 33% dei poveri di tutto il mondo e dove un terzo degli abitanti vive sotto la soglia minima della povertà, fissata dalla Banca Mondiale in 1,25 dollari al giorno. Queste altissime temperature, sommate poi ad elevati tassi di umidità , erano proprio quello che non ci voleva ed è